giovedì 21 maggio 2015

La quantità di anidride carbonica prodotta dall'uomo

L'immagine mostra in sintesi il Ciclo del Carbonio. L'uomo immette in media nell'atmosfera 29 Gt di CO2, squilibrando il Ciclo, la natura, che comprende la vegetazione, il suolo e gli oceani ne immettono 771 Gt. La figura è stata esrapolata dal documento IPCC AR4.
Immagine prelevata dal Sito: CO2Now.Org - Global Carbon Emissions 
Nel 2013, le emissioni di CO2 a livello globale generate dall'uso dei combustibili fossili e dalla produzione di cemento ammontavano a 36 gigatonnellate (GtCO2); un dato superiore del 61% rispetto a quello rilevato nel 1990 (anno di riferimento del protocollo di Kyoto), e del 2,3% superiore al 2012.
Nel 2014, le emissioni globali di CO2 sono aumentate di un ulteriore 2,5% rispetto al livello registrato nel 2013. Il primato delle emissioni di CO2 spetta alla Cina (28%), seguita dagli Stati Uniti (14%), dall'Unione Europea (10%) e dall'India (7%) - con una crescita registrata in tutti questi Stati ad eccezione del calo dell'1,8% nell'UE (28 stati membri). Nel 2013 le emissioni di anidride carbonica (combustibili fossili e produzione di cemento) erano composte da: carbone (43%), olio (33%), gas (18%), cemento (5,5%) e gas flaring (0,6%). Le emissioni prodotte a causa dell'uso del suolo da parte dell'uomo raggiungono l'8% del totale delle emissioni di CO2; i dati suggeriscono una tendenza complessiva alla diminuzione, in particolare a partire dal 2000. Infine, il 50% della CO2 rimane nell'atmosfera (18,4 miliardi di tonnellate), il 26% viene assorbita dalle foreste (9,5 miliardi di tonnellate), il 24% dagli Oceani (8,8 miliardi di tonnellate, questo nel 2010). Tuttavia, dobbiamo considerare cosa succede quando viene immessa una quantità di CO2 (antropica) esterna al Ciclo naturale del Carbonio. Anche se la nostra produzione (in media) di 29 giga tonnellate è molto ridotta rispetto alle 771 giga tonnellate che si muovono attraverso il Ciclo del Carbonio ogni anno, questa quantità si somma perché la Terra e l'Oceano non possono assorbire tutta la CO2 in eccesso. Solo circa il 40% di questa ulteriore CO2 viene assorbita. Il resto rimane nell'atmosfera, e di conseguenza, la CO2 atmosferica è al suo massimo livello da 15/20 milioni di anni (Tripati et al., (2009). (Un aumento naturale di 100 ppm si verifica in 5.000 anni o addirittura 20 mila anni. Il recente aumento di 100 ppm si è verificato più rapidamente in quanto è avvenuto nell'arco di 130 anni).Riferimenti Bibliografici: Le Quéré et al., 2009 Nature Geoscience,  Canadell et al., 2007 PNAS, IPCC AR4.

Nessun commento:

Posta un commento